Vai alla barra degli strumenti

in redazione

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Una “lettera aperta” di Carolina Marciano

Cari Anastasiani, vogliate scusarmi se vi chiedo un momento della vostra attenzione con questa “lettera aperta” in giorni dove tanti altri ve ne chiedono tanta di attenzione e pazienza. Sono Carolina Marciano. Ho 39 anni, sono madre di tre splendidi bambini e da oltre un decennio esercito la professione di

Da Somma vesuviana parte “Civico 1” l’associazione che vuole essere davvero inclusiva

Domani, venerdì 24 luglio 2020, nella splendida cornice del chiostro del complesso monumentale di Santa Maria del Pozzo in Somma Vesuviana, alle ore 20.00, dopo aver fatto tappa a Saviano il 3 luglio scorso, verrà presentata l’associazione culturale “Civico 1”. Un modo diverso per affermare la sete di aggregazione civile,

L’appello ad Enzo Iervolino per evitare in extremis l’ennesima rottura del centro sinistra

“Prima che sia troppo tardi. Prima che il centro sinistra a Sant’Anastasia subisca l’ennesima rottura e, molto probabilmente, l’ennesima sconfitta elettorale”. Carmine Esposito, detto Krol, per una sua antica passione al calcio Napoli e ad un suo giocatore simbolo che fu del passato, sta mettendo in campo ogni azione per

Erba di casa mia. O inno alla bellezza

di anna saetta | La foresta equatoriale è caratterizzata da una fitta vegetazione, organizzata in almeno cinque stratificazioni verticali; su di esse svettano piante sempreverdi, semprevive, di un’eternità  apocalittica, che con prepotente sfacciataggine si appropriano dell’anima locale, non garantiscono benefici, d’altronde mai li avevano promessi, con subdola veemenza allontanano lo

Il Piano Urbanistico Comunale di Sant’Anastasia, appunti e spunti per il prossimo futuro (IV ed ultima parte)

di vincenzo spadaro | ingegnere Affrontiamo in questa ultima parte il fabbisogno di aree per gli spazi pubblici e di uso pubblico (scuole, impianti sportivi, attrezzature religiose, verde, parcheggi). Per tale fabbisogno, il riferimento normativo è il DM n. 1444 del 1969. Tale decreto, emanato nel periodo del boom delle costruzioni, fissa

L’appello di Giuseppe Fornaro per la fase 2 dei non vedenti e degli ipovedenti

Non era appena iniziata la cosiddetta “fase 2” della emergenza covid-19 e Giuseppe Fornaro, referente della sezione Uici di Sant’Anastasia e paesi vesuviani, che, di certo, non si arrende davanti ai problemi, aveva già lanciato in rete il suo appello. Un post con un titolo emblematico: “Problematica piuttosto importante!” E

Il Piano Urbanistico Comunale di Sant’Anastasia, appunti e spunti per il prossimo futuro (III parte)

di vincenzo spadaro | ingegnere In questa 3° Parte ci occuperemo degli insediamenti produttivi (artigianali, commerciali, turistici). A tal fine, è utile esaminare brevemente come si è articolata la previsione di questi insediamenti nei vari piani urbanistici che si sono succeduti negli anni, per trarre adeguati insegnamenti per il futuro e non

Il Piano Urbanistico Comunale di Sant’Anastasia, appunti e spunti per il prossimo futuro (II parte)

di vincenzo spadaro | ingegnere Esaminata l’edilizia residenziale nella 1° Parte (che potrete leggere qui), occupiamoci ora della viabilità necessaria agli spostamenti fuori e dentro i confini comunali. Le tabelle 1,2,3 riportano l’entità del parco autoveicoli esistente, gli spostamenti della popolazione dentro e fuori i confini comunali e l’ubicazione della popolazione nell’ambito

Coronavirus, da Report a Porta a Porta, ecco i due “racconti” della Casa di Riposo a Madonna dell’Arco

Dapprima era stato un servizio di Report, su Rai Tre, mandato in onda il 2 aprile a documentare la triste vicenda della Casa di Riposo di Madonna dell’Arco. E in quella occasione, in barba ai trionfalismi dei campani che attribuiscono a De Luca una organizzazione perfetta per fronteggiare l’emergenza coronavirus

Lunedì in Albis Biagio Merone canterà l’inno alla Madonna dell’Arco dal suo balcone

Anche questa volta “galeotto” è stato il web ed il profilo facebook di Biagio Merone che ama il canto da sempre e porta la sua voce in molti luoghi ed occasioni differenti. Un misto tra professione e passione anche al tempo della quarantena. Nelle sue “corde” c’è finita la melodia